I Procenello

 Ogni anno Borgo organizza, durante il secondo fine settimana di luglio, la festa del Procenello, che vuole celebrare la tradizione pianese del Merennino. I nostri nonni si ritrovavano dopo il lavoro o nei giorni festivi nelle cantine del borgo antico o, nei giorni più caldi, all’aperto, per gustare e condividere pane e companatico, il tutto bagnato con dell’abbondante vino rosso locale. La nostra festa ripropone i piatti semplici, ma gustosissimi di questa usanza, formaggi, salumi (con la salsiccia di Busso in prima fila), acciughe e bruschette, accompagnandoli con piatti più complessi e soprattutto con i fiori di zucca, specialità della nostra contrada, servita sotto diverse forme. Ma I Procenello non vuole essere una festa nostalgica, quanto intrecciare i sapori più autentici della nostra terra con la musica, i giochi, i divertimenti attuali: durante la festa si organizzano tornei sportivi, in particolare quello di Beach Soccer nel nostro splendido campetto che d’estate diventa Borgo Beach, giochi per bambini, serate a tema per i ragazzi. I Procenello è una festa per tutti, golosi e sportivi, appassionati di musica dal vivo e amanti dei fiori di zucca, bambini, genitori e nonni. Quest’anno la festa si terrà dal 10 al 13 luglio presso Piazza Belvedere…. Vi aspettiamo!! 

Foto

Il Palio

01 Agosto - Consegna delle bandiere
10 Agosto - Presentazione del Palio, del Cupello e del premio Asta e Bacchetta
12 Agosto - Asta e Bacchetta
13 Agosto - Spulennata
14 Agosto - Tropical Borgo
16 Agosto - Cena Propiziatoria
17 Agosto - Borghesi dalla nascita: tutti insieme alla Provaccia. Corteo Storico e Processione
18 Agosto - Presentazione Fantino e Cavallo. Il Palio

tropical Borgo

14 Agosto, una notte…tropicale! La Pinetina si trasforma in occasione della festa più pazza dell’estate borghese, lasciando spazio a piscine, scivoli, vestiti hawaiani, costumi da bagno, gavettoni e fantasia. Perché i contradaioli ogni anno inventano qualcosa di nuovo, dai cocktails chiamati con i nomi dei borghesi al falò, dai surf  al bagno di mezzanotte. Originalità, passione e un pizzico di follia sono gli ingredienti per una serata di puro divertimento, perché il Popolo borghese ama costruire la bellezza di cui sa circondarsi e adora danzare sotto le stelle intrecciando musica e canti propiziatori, perché, in fondo, siamo sempre sotto Palio!   

Il Crastatone

Piancastagnaio ha sempre vissuto intensamente il periodo della castagnatura, e per festeggiare la fine della raccolta, a partire dagli anni Sessanta, il centro storico si ricopre dei colori autunnali e si inebria dei sapori di vino e castagne. Si tratta della più longeva festa della castagna del Monte Amiata, con un titolo che richiama la sua protagonista indiscussa, la caldarrosta, che in pianese viene detta crastata, dall’uso di castrare, incidere, il frutto prima della tradizionale cottura sul fuoco. Le contrade rappresentano i luoghi in cui la tradizione si tramanda, attraverso le ricette, la valorizzazione dei prodotti del territorio, l’apertura al pubblico delle cantine mai del tutto abbandonate dai pianesi. Borgo nel fine settimana del primo novembre è in fervore, per immergere chiunque passi per le proprie strade nel profumo di sottobosco: tra i vicoli addobbati si aprono le cantine, il ristorante e gli stand, ognuno con piatti tipici e prodotti ottenuti dalla lavorazione della castagna. In Piazza Belvedere, accanto all’intrattenimento musicale, è possibile trovare ogni tipo di ghiottoneria ed un generoso bicchiere di vino, o, specialmente nelle serate più fredde, del buonissimo vin brulé di Candido! La Pinetina ospita il ristorante, con le fantastiche cuoche occupate ogni anno anche nell’invenzione di un nuovo piatto da mettere in competizione con le altre contrade. Nei vicoli e nei chiassi che si snodano verso sud-est, infine, si scorgono, fino a notte fonda, le luci delle cantine, aperte e adattate per l’occasione ad ospitare coloro che amano mangiare e bere in compagnia, ed arrendersi tardi al sonno. Il Crastatone è un evento unico, un’esperienza enogastronomica, ma anche un momento di condivisione e trasmissione di valori antichi, ma mai passati.

Foto

Natale

 Ogni anno Borgo, organizza cene, eventi e tombolate, per far si che la Contrada rimanga attiva anche durante il periodo natalizio. Come tutte le feste troviamo il modo di far divertire tutti, dai più grandi ai più piccini, facendo cene e organizzando grandi tombolate, simbolo di qualsiasi Natale. Passato il periodo natalizio, il 06 Gennaio, troviamo il modo di far divertire anche i più piccini facendo arrivare in Contrada la Befana che li gusterà con tanti dolcetti.

Foto

Carnevale

IN COSTRUZIONE

Foto

San Giuseppe


La Festa titolare: Venera come Santo Patrono S. Giuseppe : dal 1981 la statua di San Giuseppe è riposta nella nicchia del Campineto , che si trova sulle mura del territorio borghese; è da marzo di quell’anno che la Contrada si affida alla protezione di questo Santo e in onore del quale organizza la Festa Titolare nel Sabato più vicino al giorno 19 marzo, data ufficiale della ricorrenza, con l’uscita del corteo storico per le vie di Borgo, il battesimo dei contradaioli presso “ la Fontanella”, la Santa Messa alla “ Madonna delle Grazie”, chiesa di Contrada e una cena aperta a tutti i tesserati.Foto